19 novembre 2013

I Saccottini...del mio mulino!



No non ce l'ho con Banderas e tanto meno con la sua gallina ma a me piace sperimentare tentando di ricreare in casa i prodotti che la grande distribuzione ci offre. Questa volta è toccato ai saccottini.
Un giorno al supermercato mi fermo ad osservare la confezione, da piccola ricordo che i saccottini non avevano quelle striature nere di cacao e come un fulmine a ciel sereno mi vengono in mente loro.

Ok è facile penso, basta cambiare la forma in fase di formatura però ero curiosa di provare la tanto famosa ricetta dei croissant di Paoletta e mi sono detta: unisco le ricette!

6 novembre 2013

Ciambelle e Biscotti di Mosto



Questo è senza dubbio uno di quei sapori che mi fa tornare indietro con i ricordi, il ricordo dei nonni, del tanto atteso momento della vendemmia e poi il ricordo delle nonne con le mani in pasta intente a non sprecare neanche un goccio quel liquido giallo/marroncino che stava dentro a dei boccioni enormi....ai miei occhi da bambina sembrava una cosa molto preziosa.
Nella mia famiglia non esiste una ricetta scritta, ogni volta che ho cercato di capire la ricetta da mia nonna la riposta era: " semplice la sera metti il lievito" si nonna va bè ma dove lo devo mettere 'sto lievito?? " in una ciotola con acqua e farina" ok e quanta acqua e farina? " quella che basta!" ...e da lì ho capito che una versione pesata non l'avrei mai avuta.

31 ottobre 2013

Zuppa di Lenticchie e Frutti di Mare



Per tutto il mondo oggi è Halloween ma una volta per noi Italiani era semplicemente la vigilia dei due giorni dedicati alla commemorazione di Santi e Defunti poi sono arrivati i cugini a stelle e strisce e questa festa che non ha niente a che fare con noi ( ma neanche con loro visto che è di origine Irlandese) ha preso il sopravvento. Purtroppo ci facciamo influenzare parecchio da tutto quello che arriva da oltre oceano, tutto quello che viene da lì è "cool", per carità ci sono stata negli Usa e ci tornerei , a casa anche io ho la mia Jack O' Lantern però amo la tradizione quindi come da tradizione dalla mia famiglia il 31 ottobre è giorno di vigilia quindi si mangia di magro....legumi e pesce...un signor magro lo definirei!

24 ottobre 2013

Pizza con cornicione farcito



Beh questa più che una ricetta per la realizzazione di una base per pizza è piuttosto un modo diverso di farcirla , visto che il week end si avvicina e a casa mia sabato sera = pizza ho pensato di condividerla.
L'ho vista fare anni fa in tv, non mi ricordo se da Antonino Esposito, mi piaceva l'idea di riempire quella parte di impasto che in tanti scartano mangiando solo il centro...e pensare che invece io adoro il cornicione della pizza!!!

13 ottobre 2013

Stanghette alla Birra


Adoro l'Alto Adige, chi mi conosce lo sa bene, in estate o in inverno, è in assoluto il posto ideale per rilassarsi e ricaricare le batterie .... paesaggi mozzafiato, aria buona, gente cordiale e ottima cucina...credo che non si possa chiedere altro!!
Ogni volta che riesco ad andare i miei souvenir preferiti sono principalmente culinari, lì si trovano ottime farine e prodotti particolari da testare poi a casa come ad esempio il brotklee, un'erba/spezia spesso usata nei pani altoatesini e che conto di testare presto.
Tra le varie cose prese la scorsa estate c'era un piccolo libricino dedicato al pane, il libro si intitola appunto "Il pane delle Dolomiti" scritto da Richard Ploner e queste stanghette sono tratte da lì.

11 ottobre 2013

Girelle di Finta Sfoglia



Questa ricetta gira da un po' in rete, riveduta e corretta è passata in molte mani, io forse l'avevo anche vista ma la mia vocina interna mi diceva " chi tu la sfoglia? naaaaa...se ti serve la prendi al banco frigo" poi un giorno alla ricerca di ispirazione per la preparazione del buffet di compleanno di mio figlio chiedo consiglio al fantastico gruppo e nel giro di poco fioccano diverse idee..."ok" penso io, ho poco tempo e per la realizzazione ricorrerò alle basi pronte, lo scrivo ed immediatamente come il paladino del lievitato arriva Fort che mi fa ritornare sulla retta via indicandomi ricette rapide e facili per realizzare da sola le basi per le varie preparazioni. 
Mi dice "prova la rosticceria di Cristina ( fantastica per preparazioni dolci o salate,a breve le foto) e per la sfoglia prova assolutamente quella di Adriano, un sapore delicato, non burroso , facile da realizzare e se ti avanza la conservi nel freezer così all'occorrenza ce l'hai bella che pronta".

"Ok provo" e fu così che decisi mai più sfoglia pronta del banco frigo!

1 ottobre 2013

Spaghetti del Pescatore


Una ricetta veloce veloce come il mio passaggio sul blog che ultimamente ho trascurato e non poco ma per impegni vari il tempo di pasticciare, fotografare, editare, scrivere e pubblicare manca. Spero che con l'arrivo del freddo ed il maggior tempo passato in casa arriverà anche la possibilità di sperimentare magari solo una parte delle tante ricette che in questa pausa ho raccolto...ricette trovate sul web, ricette scritte, ricette raccontante dalle tante persone con le quali sono stata a contatto ultimamente.

Nell'attesa di riordinare il tutto godetevi questi spaghetti raccontati da un signore che per tanti anni ha fatto il pescatore, è una ricetta semplicissima che può sembrare banale ma se fatta con i giusti trucchetti si rivelerà un piatto dal profumo di mare sorprendente...e in più è anche low cost!

7 settembre 2013

Marmellata di Uva Spina


L'estate è volata, a causa del brutto tempo è iniziata tardi e quindi nel breve periodo concesso me la sono un po' goduta al mare e poi in montagna con marito e figlio, ai fornelli ho lasciato un po' di respiro mentre per il forno è stato totale relax.
Come uno scoiattolino però ho fatto comunque una piccola scorta di cose per l'inverno come salsa di pomodoro, verdure gratinate cotte e congelate e poi ovviamente marmellate, non molte a dire il vero ma avendo trovato dell'uva spina bio a km non ho potuto fare a meno di non provarla.

22 luglio 2013

Bibita More & Lime


Forse ci siamo, l'estate vera è arrivata se pur con grande ritardo, per festeggiarla madre natura ha deciso di farsi sentire movimentando un po' le cose con delle belle scosse di terremoto che per fortuna hanno portato solo spavento e nessun danno, speriamo che i festeggiamenti siano finiti.
Tra uno shakeramento ed un altro mi sono capitate tra le mani delle more buonissime, bio e a km zero,in un primo momento ho pensato ad una marmellata ma poi abbiamo iniziato a mangiarle nature e come per le ciliegie una tira l'altra e quelle rimaste per una qualsiasi ricetta erano ben poche; gira gira sul web ho trovato l'idea di farne un bel succo rinfrescante, dolce e colorato ma senza dolcificanti o coloranti strani, buono per tutti ma in particolare per i bambini che prima "comprano"con gli occhi.

20 giugno 2013

Biove con lievito madre... buona la prima!!!


La mia sperimentazione  continua, il lievito madre se ti prende diventa una droga, si va per tentativi ovviamente, leggendo qua e là sto finalmente capendo il perchè la panificazione viene definita "arte bianca". Fare il pane non significa solo mescolare acqua farina e lievito ed aspettare, ci sono regole da rispettare in fase di impasto, tempi di riposo assolutamente necessari poi pieghe, stagli, pirlature, una giungla di termini nuovi che un po' spaventano al primo impatto ma basta  curiosare su internet per scoprire che in realtà si tratta di gesti semplici ma fondamentali nella riuscita di un buon pane ( o lievitato in genere).

6 giugno 2013

Tagliata di Tonno Rucola & Pomodorini



Di tanto in tanto quanto in pescheria trovo il tonno fresco non posso fare a meno di prenderlo. Oltre alle eccellenti caratteristiche nutrizionali per il quale è rinomato ( ricco di ferro, proteine ad altro valore biologico, ricco di grassi "buoni" ecc ecc) è soprattutto buono, veloce da cucinare e facile da rifilare ai bambini, il mio ogni volta è convinto di mangiare carne e non pesce; ho tentato di spiegargli che stava mangiando tonno ma prontamente ha risposto che non era vero perchè non era nella scatoletta...va beh pazienza crescendo capirà!
La ricetta che ho utilizzato l'ho presa in prestito da un nostro amico titolare di una gastronomia che ce l'ha fatto assaggiare qualche estate fa più o meno cotto così, niente di complicato ma il figurone è assicurato.

Per 3 persone vi serviranno:

  •  3 bistecche di tonno alte circa 2 cm 
  • 500 g di pomodorini 
  • rucola
  • 1 spicchio di aglio 
  • olio

Mettete una bistecchiera sui fornelli e fatela scaldare bene bene bene, ungete le bistecche di tonno e mettetele sulla bistecchiera facendole cuocere per un minuto, massimo un minuto e mezzo per lato, è importante che l'interno rimanga rosato altrimenti risulterà stoppaccioso.

Chiudete le bistecche in carta stagnola in modo che i succhi si redistribuiscano e nel frattempo preparate i pomodorini.

In una pentola mettete due cucchiai di olio e lo spicchio di aglio, scaldate e buttate i pomodorini tagliati a metà, saltateli velocemente in modo che perdano poca acqua di vegetazione e non si disfino ( non dovete ottenere un sugo), regolate di sale , fate andare ancora un minuto poi raccogliete i pomodorini e metteteli da parte al caldo lasciando nella pentola il fondo di cottura che si sarà creato.

Tagliate le bistecche di tonno a listarelle o a cubotti e ripassateli molto velocemente nel fondo di cottura dei pomodorini ( l'interno del tonno deve comunque rimanere un po' rosato).

Servite con la rucola e i pomodorini.

21 maggio 2013

Vortici al Cioccolato





Quando si dice i casi della vita... se per caso non avessi navigato in rete e non avessi conosciuto lei e lui non avrei potuto sapere che un giorno una cara ragazza di nome Adele avrebbe condiviso con i "seguaci" dei due maestri una ghiottoneria scovata sul sito francese Le Pétrin e mi sarei persa una gran bella ricetta!

9 maggio 2013

Fagottini di Crepes agli Asparagi



Un'idea carina per il pranzo della domenica o perchè no per un pic nic in campagna  tra una pioggia e l'altra...quest'anno il bel tempo si fa desiderare e non passa un fine settimana senza che piova. Con gli asparagi la primavera la mettiamo nel piatto, il giorno in cui l'ho preparato fuori sembrava più novembre che maggio ma pazienza...è buono ugualmente!!!

30 aprile 2013

Crumpets....ovvero come ti trasformo l'esubero di lievito madre!



 
Chi come me si prende cura di un lievito madre liquido saprà bene che non ci vuole niente a ritrovarsi quantità industriali di lievito in frigo, bastano pochi rinfreschi e si rischia di perdere il controllo. Sabato scorso mi è capitato proprio questo: avevo 1 kg di lievito madre e nonostante avessi impastato pizza, pane e brioche ne avevo ancora un bel po' da utilizzare e pensa che ti ripensa mi sono venute in mente delle frittelle viste fare il tv la sera prima da Gordon Ramsey.

29 aprile 2013

Crumble Muffins allo sciroppo d'acero



Buoni ,morbidi, croccanti ed anche salutari! Mi sembra che non servano altre parole per invitarvi a provare questi muffins , adatti per la colazione o per un break pomeridiano magari accompagnati dalla tisana che più vi piace.

23 aprile 2013

Focaccia Soffice allo Yogurt Greco


Avete anche voi un vasetto di yogurt greco che vaga da un ripiano all'altro del vostro frigorifero, stanchi di mangiarlo a colazione? Beh a  primo colpo verrebbe da pensare di usarlo, che ne so, per un dolce oppure per una salsina d'accompagnamento  poi magari scopri girando pigramente su internet che invece può essere usato per fare una focaccia così con un impeto di curiosità ti ritrovi ad impastare e a sfornare una focaccia soffice soffice che si scioglie in bocca e che si conserva anche per diversi giorni.

9 aprile 2013

Spatzle


Lo so, lo so non è una ricetta molto primaverile da presentare quasi a metà aprile ma infondo ad affacciarsi dalla finestra non si capisce bene in che stagione siamo...esce un po' di sole e fa caldo, passa una nuvola e la temperatura crolla, pazienza prima o poi arriverà il bel tempo, io intanto, complice il fatto che mio marito in questi giorni si trova in germania per lavoro mi sono concessa un piatto di origine appunto tedesco-austriaco-alto atesino che mangio sempre volentieri ogni volta che vado ( anche in estate quindi non siamo poi così fuori stagione!)
Ancora si trovano gli spinaci quindi ho optato per la versione in verde ma sono molto versatili nella preparazione infatti sono molto buoni anche naturali oppure alla zucca, sono anche un metodo furbo per far mangiare le verdure ai bambini, il mio ad esempio li adora.

1 aprile 2013

Merendine Home Made: i Flauti....o quasi


 
 
Da un po' mi sto appassionando alla riproduzione di merendine famose che solitamente si trovano negli scaffali del supermercato, il motivo è che primo vorrei evitare fin quando sarà possibile che mio figlio trangugi tutti quegli intrugli dal nome incomprensibile che vengono usati per la preparazione dei prodotti confezionati, il secondo è che mi piace impastare, pasticciare e compagnia bella quindi quando posso mi cimento......spero solo di non finire con il parlare con una gallina!!

21 marzo 2013

Dalla tradizione marchigiana: Pizza di Formaggio


Ma poi perchè si chiama pizza quando somiglia di più ad un panettone? Non lo so, qui nelle Marche le cose prendono spesso nomi diversi, ad esempio quello che somiglia ad una pizza o ad una focaccia è la "crescia", comunque chiamatela come vi pare ma mangiatela! Nella nostra zona la tradizione la vuole sulle tavole di tutte le famiglie per la colazione della mattina di Pasqua, forse perchè una volta per  i contadini quella che per noi è adesso l'ora di colazione era in realtà un pre-pranzo fatto già dopo diverse ore di lavoro per i campi.
A casa mia non è mai stata mangiata a colazione ma non è mai mancata durante il pranzo. Sembra facile farla ma non lo è, se non riesce richia di diventare un mattone per lo stomaco ma se riesce sarà una delle cose più buone che abbiate mai mangiato.
Ci sono diverse ricette in giro, questa volta ho voluto provare quella di Fiorella, una signora sprint e solare mamma di un mio caro amico che me l'ha passata descrivendo minuziosamente tutti i passaggi che mi sono stati utili per ottenere un ottimo risultato.
Ho apportato solo una modifica: la ricetta prevede tanto lievito, io ho dimezzato e quantità ed ho raddoppiato i tempi di lievitazione.
La ricetta poi prevede il temuto qb di farina ma tranquilli sarà semplicissimo capire quando avrete raggiunto il dosaggio perfetto.
 
PIZZA DI FORMAGGIO MARCHIGIANA
  • 4 uova
  • 3 cubetti di lievito di birra ( in origine erano 6)
  • 1/2 bicchiere di latte tiepido
  • 100 g di burro
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • 100 g di pecorino sardo grattugiato
  • 1/2 bicchiere di olio evo
  • noce moscata
  • 1 limone ( buccia grattata)
  • 200 g di pecorino fresco tipo Val Metauro
  • farina 00 q.b.
  • 1 cucchiaino di zucchero.
Sciogliete il lievito nel latte tiepido con il cucchiaino di zucchero e un paio di cucchiai di farina e far riposare 1 ora circa.
 
In una ciotola capiente versate il lievito maturato ed iniziate ad impastare aggiungendo il burro sciolto ma freddo, le uova sbattute che dovranno essere a temperatura ambiente, l'olio, la buccia di limone, la noce moscata e i formaggi grattugiati.  Mescolate bene con un cucchiaio di legno ed iniziate ad incorporare farina poca per volta e sempre mescolando fino a quando non sarà più possibile mescolare con il cucchiaio di legno.
Rovesciate l'impasto su una tavola di legno e continuate ad impastare aggiungendo farina fino a quando non risulterà più appiccicoso ma sarà comunque morbido. Impastate per un quarto d'ora circa, scegliete voi se farlo a mano oppure in planetaria o nella macchina del pane.
Tagliate il pecorino fresco in cubetti abbastanza grandi.
Dividete l'impasto in tre, allargate leggermente ogni panetto e disponete sopra i dadini di pecorino ( per tutti e tre i panetti utilizzate metà quantità di pecorino) ed arrotolare poi ogni panetto su se stesso. Mettete a lievitatare negli stampi di carta o di alluminio, io ho usato quelli da 750 g , fino a raddoppio. Nel mio caso avendo dimezzato il lievito ci sono volute circa 5 ore.
Accendete il forno a 180° e quando sarà ben caldo infornate le pizze nel ripiano più basso per circa 1 oradopo di che capovolgete le pizze e fatele asciugare altri 10 minuti in forno.
 
Gustatele ben fredde con salumi vari oppure da sole.
 
Buona Pasqua!!!
 
 

20 marzo 2013

Carbonara? Si ma vegan!


Avete in frigo uova e pancetta (o guanciale) per una carbonara? Sì? Peccato perchè per questa volta non vi serviranno! Eh no questa è una carbonara vegana quindi senza nulla di derivazione animale, questa è un'altra delle ricette che fanno parte del mio lato salutista e curioso che si contrappone a quello più tradizionalmente goloso.

15 marzo 2013

Let's celebrate St. Patrick's Day: Irish Boxty!!




"Boxty on the griddle
Boxty on a pan
If you don't eat a boxty
You'll never get a man"

Così recita una delle tradizionali rime che celebrano uno dei piatti più antichi della tradizione culinaria irlandese: il Boxty.

9 marzo 2013

Torciglioni alla Ricotta


Le cose semplici a volte sono le più buone ed è vero! Non serve una lista di ingredienti infinita, servono pochi ingredienti ( buoni aggiungo io) per ottenere questi biscottoni buoni per ogni momento della giornata, dalla colazione alla merenda a scuola dei bambini o per un break pomeridiano magari accompagnati da una tazza fumante di orzo caldo o se ve si sentite più British con una tazza di tè
La ricetta gironzola da un po' nel web ma la paternità è attribuita ad un signore che di dolci sembra capirne qualcosa: vi dice niente il nome Luca Montersino? Un nome una garanzia quindi su svelti in cucina ad impastare.

TORCIGLIONI DI RICOTTA

  • 250 g di farina 00
  • 250 g di zucchero ( io ne ho messi 200 di canna)
  • 375 g di ricotta di pecora
  • 8 g di lievito per dolci
  • buccia grattugiata di un limone
  • 100 g di gocce di cioccolato ( mia aggiunta)
  • pizzico di sale

  • uovo e latte per spennellare
  • zucchero

Preparazione semplicissima:
Lavorate con una forchetta la ricotta con lo zucchero, aggiungete la farina setacciata con il lievito e la buccia di limone e le gocce di cioccolato. Impastate il tutto e rovesciate su un piano infarinato. Dividete l'impasto in circa 15 pezzi uguali e stendete ottenendo dei filoncini di 12 cm circa, ripiegateli su se stessi ed attorcigliateli . Disponeteli su una placca rivestita di carta forno ben distanziate , spennellate con latte e uovo e cospargete con lo zucchero ( io ho usato sempre quello di canna).
Cuocete a 180° per 20 minuti circa



6 marzo 2013

Vellutata Piselli Patate & Porri



Siamo a marzo ma a guardare fuori dalla finestra oggi sembrerebbe una tipica giornata grigia di novembre con pioggia nebbia. E' tanta la voglia di sole, di cielo azzurro, di alberi in fiore e di tempo passato all'aria aperta ma viste le previsioni dovremo aspettare quindi la cosa migliore è quella di coccolarsi ancora un po' con qualche zuppa calda e profumata.
Volevo preparare un piatto leggero ma corroborante ma quando si ha in casa un bambino devi prendere in considerazione i suoi gusti a meno che non si abbia la voglia di preparare cose diverse. Dopo una rapida consultazione del frigo ho visto che avevo patate e porri così mi è tornata in mente la Leek and Potato Soup mangiata in un pub di Galway, in quella occasione mio figlio aveva ripulito la ciotolina e fatto anche la poco anglosassone scarpetta con delle fettine di pane bianco morbido spalmato con un velo di burro.

2 marzo 2013

Girelle di Crepes

 
Questa è una ricetta datata, io l'ho presa alla tv anni fa da Anna Moroni  e l'ho proposta diverse volte alla mia famiglia anche con diversi tipi di ripieno. A suo tempo partecipavo anche a forum di un grande sito culinario e mi ricordo che piacque a tanti utenti quindi ho deciso di spolverarla e di metterla anche qui.
 

1 marzo 2013

Cresciòle di Polenta: uno sfizio dolce o salato che nasce dal riciclo



L'inverno dovrebbe essere ormai alla fine, in teoria il calendario ci dice che tra circa venti giorni ne saremo fuori ed il sole che c'è oggi sembrerebbe dargli ragione ma basta aprire la finestra per sentire che le temperature sono ben lontane da quelle primaverili e se il freddo persiste la polenta rimane sicuramente un piatto gradito......e se avanza? Beh se avanza si può tagliare a fette e gratinare come un crostino oppure pasticciarla e metterla al forno con del formaggio, le soluzioni sono diverse, quella che vi propongo è quella di mia nonna , o meglio della tradizione marchigiana che la vuole impastata e trasformata sotto forma di "cresciòla"

24 febbraio 2013

Sbriciolata ai Marroni

 
Questo dolce è stato sicuramente il più gettonato in questa stagione autunno inverno 2012-2013, non so quante volte è uscito dal mio forno e quante volte l'ho portato a casa di amici o parenti in occasione di cene o pranzi. Lo so, forse qualcuno avrà anche detto che sono monotona ma vi suggerisco di provarlo, sono sicura che poi ne inizierete anche voi una produzione sfrenata.

23 febbraio 2013

Pollo al Curry


Solo da poco ho scoperto i profumi ed i sapori della cucina indiana e me ne sono innamorata. E' successo durante un recente viaggio in Irlanda, certo detta così sembra una cosa senza senso ma bisogna sapere che ad oggi, vista la numerosa popolazione residente di origine indiana, questo tipo di cucina è molto diffusa nei paesi anglosassoni tanto da essere considerata la seconda cucina nazionale.

20 febbraio 2013

Gnocchi di Ricotta

 
Domenica mattina chiedo alla mia famiglia : cosa vi andrebbe per pranzo? La risposta è stata gnocchi! Il problema era che non avevo patate in casa ma una vaschetta di ricotta di pecora fresca presa il giorno prima e destinata alla preparazione di un dolce così mi sono ricordata di aver letto più volte nel web o sulle riviste di questa variante ai classici gnocchi e detto fatto mi sono messa ad impastare

16 febbraio 2013

Pizza con i grasselli ( lievito madre)


Ecco una ricetta della tradizione contadina marchigiana, la pizza con i grasselli ( o ciccioli per altre regioni italiane), ricavati dalla lavorazione del grasso del maiale. Come dice il detto del maiale non si butta via nulla ed è vero infatti in passato quello della macellazione del maiale era un rito ( volendo anche un po' macabro a pensarci bene) che veniva programmato e pianificato in ogni particolare proprio organizzando la lavorazione di ogni singola parte. La macellazione avveniva di solito a fine anno quando il freddo favoriva la conservazione delle carne del maiale che veniva fatta riposare nei due giorni successivi alla macellazione per poi essere sezionata e usata nelle varie preparazioni (la tradizionale "pista") In questa fase il grasso del maiale veniva fatto sciogliere e poi filtrato così da separare la parte liquida con quella solida: la parte liquida diventava poi strutto e la parte solida si trasformava in grasselli. Che non vi venisse in mente di contare le calorie di questo derivato, potreste rimanere impressionati ma almeno una volta l'anno va provata perchè ne vale la pena!


La ricetta è il quanto più fedele a quella contadina che prevedeva anche l'uso del vino bianco nel suo impasto, particolare non da poco che dona a risultato finale un particolare aroma.

PIZZA  CON I GRASSELLI

  • 110 g di lievito madre ( il mio è tipo semiliquido)
  • 150 g farina manitoba
  • 350 g farina tipo 2
  •   50 g di vino bianco secco
  • 250 g di acqua
  •     1 cucchaio di strutto
  •     2 cucchai di olio
  •  15 g di sale
  • pepe
  • 250 g di grasselli
Io ho impastato nella macchina del pane ma ovviamente si può fare con una planetaria o a mano.
 
Procedere sciogliendo il lievito madre con l'acqua, aggiungete il vino e le farine. Avviate il programma impasto e quando questo inizia ad essere liscio ( chi usa la planetaria vedrà che l'impasto tende ad arrotolarsi sul gancio) unite strutto ed olio, impastate ancora fino a quando sono ben incorportati poi unite sale e una bella grattata di pepe. Inserite i grasselli per ultimi.
Far riposare l'impasto ottenuto per un'ora e mezza poi stendere su una teglia da forno che andrebbe unta con ulteriore olio ma ho voluto evitare mettendo la carta forno. La teglia che ho usato io misurava circa cm 40x40. Lasciate riposare ancora un paio di ore poi infornate a 200° circa per 20 minuti circa o comunque fino a quando non assume un bel color dorato.
Bunissima mangiata da sola ma ottima anche accompagnata da verdure miste saltate in padella con olio, aglio e peperoncino. Da bere??? Vino rosso of course!!


13 febbraio 2013

Sweet Valentine: Mignon di Torta Rocher


E anche San Valentino è arrivato, i negozi già da giorni hanno riempito di cuori le loro vetrine ed i ristoranti fanno a gara per pubblicizzare i loro menù dedicati agli innamorati, quest'anno la crisi però credo che farà sentire la propria voce.

5 febbraio 2013

Limoncini di Carnevale ( al forno)




A casa nostra non è Carnevale se non si fanno i limoncini della zia, non è festa se non si sente quel profumo di agrumi che ti invade tutta casa grazie alla presenza del limone e dell'arancia nel ripieno.I limoncini sono dolcetti tipici della tradizione marchigiana che di solito si preparano fritti, un po' come avviene per tutti i dolci di questo periodo che precede la Quaresima. Mia zia li ha sempre fatti al forno e ovviamente la scelta di questo metodo di cottura  li rende più leggeri ma il risultato è semplicemente spettacolare, croccanti fuori ,grazie allo zucchero che caramella in cottura, e morbidi dentro.

4 febbraio 2013

Primi esperimenti con il lievito madre: il Panbrioche!


Una delle prime soddisfazioni con la mia pasta madre l'ho avuta con questa treccia, un dolce non molto dolce pensato soprattutto per la colazione , buona mangiata così ma ottima anche con un velo di marmellata. Una treccina soffice ottenuta usando ingredienti alternativi e più salutari ( o almeno dicono) come il latte ed il burro di soia.

1 febbraio 2013

Pasta e Ceci


Questo è uno dei sapori della mia infanzia quando trascorrevo intere giornati con i miei nonni e nonna spesso per il pranzo preparava gli spaghetti con i ceci. Un piatto povero della tradizione contadina ma pieno di sapore e senza dubbio salutare. Io l'ho personalizzato un po' cambiando il formato di pasta e aggiungendo un tocco speziato dato dal mix per gulash che ho trovato in una piccola drogheria in Alto Adige, trovo che il connubio tra queste spezie ed i legumi sia eccezionale anche se in realtà il gulash non è altro che uno spezzatino di carne di origine Ungherese molto diffuso in Austria e Alto Adige

31 gennaio 2013

Tortini Arancia Carote e Mandorle


Ho un difetto....uno dei tanti a dirla tutta..per anni ho appuntato ricette prese qua e la senza curarmi di chi ne fosse l'autore, mai e poi mai avrei pensato un giorno di entrare nel mondo web con un mio spazio e di pubblicare  i miei pasticci, il bon-ton della rete prevede che per ogni ricetta venga citata la fonte ma io non la conosco quindi ringrazio si d'ora chi mi è stato d'ispirazione.

29 gennaio 2013

Bocconcini di Salmone al Sesamo


Ecco un'idea veloce veloce per preparare una cenetta sfiziosa e semplice. Mi sono innamorata di questi "piatti unici" durante alcuni soggiorni all'estero e ogni tanto mi piace riproporli alla famiglia. Questa volta ho voluto provare con il salmone, un pesce che in casa nostra mette d'accordo grandi e piccini.

Rollè di arista carciofi e speck



Ecco un esperimento ben riuscito,tempo fa  avevo amici a cena e volevo fare qualcosa di un po' elaborato ma non troppo complicato quindi ho iniziato a pensare agli arrosti che prepara da sempre mia madre. Per l'abbinamento dei sapori mi sono affidata un po' ai miei gusti  ed il risultato è stato apprezzato da tutti. La comodità sta ne fatto che si può preparare tranquillamente prima, affettarlo e scaldarlo al momento di servire.

Lasagne Zucca Porcini e Zola



Il piatto della domenica per eccellenza è lei : sua maestà la lasagna! E' un piatto della tradizione che però si presta a tante varianti , diciamo che a volte può fare anche da svuota frigo. Io ho voluto provarla abbinando ingredienti come la zucca, i funghi porcini, zola , salsiccia...insomma un bel piatto ricco con i profumi dell'autunno!

Pane con pasta acida di farro (attiva)



La prima ricetta del blog non si scorda mai quindi ho pensato ad uno dei cibi che mette tutti d'accordo: il pane!!!. E' un cibo che compare sulle tavole di tutto il mondo anche se in forme e consistenze diverse tra loro. Il profumo del pane è il profumo di casa, il profumo dei racconti delle mie nonne...loro si che facevano il pane quello vero, con pasta di riporto e senza gli additivi che oggi le panetterie ci rifilano.

E' nato!!



Eccolo!! Finalmente è nato il mio blog, uno spazio tutto mio in cui posso condividere senza troppe pretese il mio piccolo saper fare. Era da tanto che questo progetto mi frullava per la testa poi tra mille impegni, dubbi e ripensamenti era sempre rimasto chiuso nel famoso cassetto dei desideri. E quale giorno migliore per aprirlo e condividerlo se non il giorno del mio compleanno??? Mi chiamo Silvia e oggi compio (sigh!) 35 anni, sono marchigiana e nella vita sono una mamma-moglie-figlia-nuora lavoratrice, il tempo libero è sempre poco ma spero di averne sempre abbastanza per far crescere questo piccolo spazio. Passate pure a trovarmi ogni volta che vorrete e se vi va lasciate pure un commento, ne sarò felice!