13 febbraio 2014

Zeppole di Carnevale di Nonna Ida



Nonna Ida non era la mia nonna ma è sicuramente una di quelle persone che mi porterò nel cuore, era una quelle vicine di casa che ti conoscono dalla nascita, una di quelle con le quali condividi la quotidianità e che un po' fanno parte della tua famiglia, una di quelle vicine con le quali ti ritrovi a chiacchierare fuori nelle calde serate estive....ho mille ricordi di lei ma quello più vivo è legato proprio al Carnevale e alle sue zeppole ( e bomboloni, sempre con la stessa ricetta).
 Non so esattamente quante ne preparasse so solo che erano tante le famiglie che avevano l'onore di poterle assaggiare: lei aveva un pensiero sempre per tutti.
A distanza di tanti anni ho ricevuto la ricetta dalle mani di sua nipote, gliel'ho scritto ma forse non immagina veramente che regalo mi ha fatto! 
E' la ricetta perfetta per dare il via al periodo più fritto dell'anno, semplice sia come ingredienti sia come esecuzione e dal risultato strepitoso.... dopo tanti anni finalmente ho scoperto quale fosse il barbatrucco di tanta sofficità.
Il primo morso è stato un autentico tuffo nel passato!


Dalla ricetta originale mi sono presa solo la licenza di dimezzare le dosi di lievito, allungare i tempi di lievitazione e di aggiungere un  po' di uvetta, per il resto tutto a regola d'arte.

ZEPPOLE DI CARNEVALE DI NONNA IDA

2 tuorli
2 albumi
4 cucchiai di zucchero
4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
1 bicchiere e mezzo di latte
buccia grattugiata di mezzo limone
1/2 cubetto di lievito di birra ( la ricetta prevedeva 2 cubetti!)
farina 00 qb...ma a me ne sono serviti circa 600 g
150 g di uvetta ( una mia aggiunta)

Olio di arachide per friggere
Zucchero semolato

Iniziamo con il barbatrucco della sofficità:
montare a neve gli albumi in una ciotola e i tuorli con lo zucchero in un altra fino a quando non triplicano il volume e diventano belli gonfi e chiari.
Sciogliere il lievito nel latte tiepido, unire i tuorli montati, l'olio, la buccia di limone e gli albumi montati a neve e mescolare bene senza troppa forza.
Unire l'uvetta ammollata e strizzata.
Iniziare ad impastare unendo poca farina per volta e continuare fino a quando si avrà un impasto morbido ma che no appiccica più alle mani.
Lievitare coperto con pellicola per 1 ora e mezza circa.
Stendere l'impasto in uno spesso di 1/2 cm circa e con un coppa pasta ( o con un bicchiere o una tazza) ricavare tanti cerchi  poi con un coppa pasta più piccolo ricavare i fori al cento.
Non buttate lo scarto di pasta del cerchietto piccolo...una volta fritti saranno mini bomboloni!
Lasciar lievitare un altra ora sempre coperti e iniziare a friggere in olio abbondante quando la temperatura arriva sui 170° ....in mancanza di un termometro da cucina basta immergere uno stuzzicadenti in legno, se fa tante bollicine l'olio è pronto!
Cuocere pochi pezzi per volta, basterà un minuto e mezzo circa per lato.
Una volta pronti e dorati trasferire su carta assorbente e passare poi nello zucchero semolato.






Nessun commento:

Posta un commento